Crea sito

Reperti archeologici ternani ridiventano patrimonio della città

Il museo archeologico “Giontella”

Se il Telamone era il dito fortunatamente c’è stato chi, in Comune a Terni, ha guardato alla luna che quel dito indicava. E qualcosa ha fruttato il fatto che ci sia chi per cultura intende un po’ di più che un diploma preso ai corsi “cinqueanniinuno”. Il Telamone, reperto archeologico rinvenutp a Terni, rimasto per anni negli scantinati della Soprintendenza e quindi valorizzato quale simbolo del museo archeologico regionale a Perugia, costitui l’occasione. Era l’esempio, il casus belli che consentiva di introdurre un discorso che mirava alla “riesumazione” di altri importanti reperti, testimonianze di un’atavica cultura tutta ternana, che restavano declassati a “merce da deposito”.

Ora a una parte di quella “merce” può essere restituita la dignità di testimonianza storica. In questi giorni l’assessorato alla cultura del Comune di Terni ha acquisito “decine di cassette contenenti materiale e reperti di epoca romana e, soprattutto, pre-romana che erano stati rinvenuti nel corso degli anni in vari scavi e cantieri della città e che erano fino ad oggi conservati e catalogati nei depositi della Soprintendenza umbra”. Il vicesindaco e assessore alla cultura e turismo Andrea Giuli lo ha comunicato con una certa soddisfazione ed anche un giusto orgoglio.

Il vicesindaco Andrea Giuli

“Si tratta – spiega Giuli – di reperti in buona parte provenienti dalle necropoli pre-romane di San Pietro in Campo e delle Acciaierie. I più preziosi e significativi sono già stati collocati in questi giorni nelle teche appositamente preparate all’interno del museo archeologico di Terni “Claudia Giontella”, al Caos, e potranno essere ammirati non appena i musei riapriranno”.

Non tutto, almeno per ora, è in mostra. “In particolare, il materiale già allestito al museo riguarda fibule, vasellame, corredi funerari, armi, ed era materiale che non aveva fatto più ritorno a Terni dopo una mostra tenutasi nel 2014”, aggiunge Giuli.

Il resto è stato al momento sistemato nel deposito dello stesso museo Giontella  e in altri depositi della città. “ma potrà essere disponibile in possibili rotazioni espositive in futuro” assicura il vicesindaco.”Anche perché – aggiunge – parliamo di materiale, non tutto di eguale valore ed importanza, che in parte potrà essere goduto già alla riapertura dei musei. Altro è oggetto di studio e potrà, se ve ne saranno le condizioni, essere esposto a rotazione nei tempi e nei modi opportuni”.

“Credo sia un momento importante per ricostruire una parte significativa della nostra storia e una identità cittadina che forse finora non è stata adeguatamente considerata”, conclude Giuli.

Ecco, ora la battaglia per il Telamone – che, sia detto tra parentesi, era stato ritrovato a Terni ma è originario di altri lidi – ha trovato un senso compiuto, specie se si considera che ce n’è ancora in quantità di materiale di provenienza ternana contenuto in cassa ancor oggi dimenticate in depositi anche fuori dell’Umbria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.