Summit in Regione: trovata la soluzione per i centri dell’impiego di Terni

L’assessore Fioroni

I centri per l’impiego di Terni non saranno cancellati. Si è trovato un accordo: “Si è finalmente giunti ad una definizione dei rapporti fra i soggetti coinvolti per quel che riguarda gli immobili destinati ai Centri per l’Impiego a Terni”, ha riferito l’assessore comunale al bilancio Orlando Masselli”. Si è chiuso quindi positivamente il summit in Regione tra l’assessore regionale Michele Fioroni, l’assessore Orlando Masselli, il presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi, funzionari vari.

Si è deciso di stipulare una convenzione che stabilisca chiaramente gli impegni e gli oneri a carico degli enti coinvolti e definirà gli strumenti idonei e necessari al mantenimento dei Centri per l’Impiego.   L’assessore regionale Michele Fioroni si è detto “soddisfatto dell’intesa raggiunta e della decisiva e chiara composizione della vicenda”, e in un’ottica futura, sta inoltre valutando l’ipotesi a lungo termine dell’acquisizione, ad opera della Regione, delle strutture per i Centri per l’Impiego, in virtù dei fondi previsti dal Ministero, per il rafforzamento degli stessi. Anche l’assessore al bilancio e al patrimonio del Comune di Terni si è detto “soddisfatto di questa soluzione – dice l’assessore Masselli – perché finalmente, grazie al supporto della nuova amministrazione regionale, siamo riusciti a trovare una soluzione invocata, ma mai raggiunta per moltissimo tempo dalle precedenti amministrazioni, e che soprattutto non graverà più a livello economico sul Comune di Terni”.

Precedente Caos, personale già in servizio sacrificato: i sindacati si rivolgono all'Ispettorato del Lavoro Successivo Quote Asm all'Acea, M5S all'attacco: "Stanno andando avanti in gran segreto"