Senso Civico: un dibattito per “ricordare” le questioni Ast

Senso Civico si fa promotore di un confronto sulle vicende dell’Ast di Terni. “Lo scarso interessamento dimostrato dalle istituzioni locali, impone alle forze politiche di alzare il livello dell’attenzione sulla vicenda che coinvolge il sito siderurgico ernano e tutti i suoi lavoratori” spiega l’organizzazione. Ed è per questo che Senso Civico ha organizzato per il prossimo 21 luglio una iniziativa “per mettere al centro del dibattito locale e nazionale la situazione dell’Acciaieria di Terni, di nuovo coinvolta in un contesto di incertezza per il futuro delle produzioni e dei livelli occupazionali e quindi, della sopravvivenza stessa della fabbrica”.

All’iniziativa parteciperanno: Alessandro Gentiletti, Consigliere Comunale, Guglielmo Epifani (Art. 1), Nicola Fratoianni (Sinistra Italiana), Alessandro Rampiconi (Segretario Generale FIOM – Cgil Terni) e Simone Liti (Segretario Regionale FIM Cisl Umbria). Modera il dibattito Marco Torricelli (Giornalista Siderweb).

“La vendita annunciata dalla ThyssenKrupp apre scenari imprevedibili sui quali è necessario riflettere e incalzare la politica e tutti i livelli istituzionali affinché si impegnino, per quanto di loro competenza, a garantire all’azienda e ai lavoratori un progetto che tuteli l’unicità e la strategicità del sito siderurgico ternano e le sue professionalità – commenta Senso Civico – Riteniamo, infatti, che l’Ast debba essere rilanciata sul mercato con un piano industriale di lungo periodo, sia attraverso la tutela dell’acciaio italiano con chiari interventi governativi, sia attraverso l’ingresso di investitori in grado di mantenere l’azienda su livelli internazionali”.

Gli interventi verranno trasmessi in live streaming sulla pagina Facebook "Senso Civico", il 21 luglio alle ore 17. 

Precedente De Rebotti: "Pd, un partito che non esiste più" Successivo Pari Opportunità Umbria, Caterina Grechi eletta presidente