Provincia, il Presidente Lattanzi alla Lega: “Avviato da tempo l’iter per le Commissioni consiliari”

Il Presidente Lattanzi con “L’uovo di Leonardo”

“Con la ricostituzione delle commissioni consiliari siamo oggi in grado di ridare piena operatività e dignità istituzionale al Consiglio provinciale dopo anni di difficoltà dovute alla legge di riforma delle Province italiane”. Lo dichiara il presidente della Provincia di Terni e dell’Upi Umbria, Giampiero Lattanzi, a proposito del voto con il quale il Consiglio provinciale di Terni ha ufficializzato l’istituzione della commissione statuto, regolamenti e controllo e garanzia e della commissione bilancio e affari generali.

“Le nuove commissioni – sottolinea Lattanzi – sono il completamento di un percorso iniziato nella passata consigliatura. Un percorso avviato dalla presidenza della Provincia proprio per consentire al Consiglio di avere tutti i suoi organismi perfettamente funzionanti. L’obiettivo adesso è quello di accelerare sul piano delle attività politico-istituzionali e amministrative, a cominciare dall’approvazione del bilancio di previsione”.

Un iter, specifica in sostanza il presidente, che era stato innescato prima del parziale e recente rinnovo del consiglio provinciale (così come previsto alla normativa vigente), e prima che vi approdasse – per essere espliciti – la consigliera della Lega Monia Santini, la quale ha, invece, rivendicato alla propria iniziativa ed al proprio operato la decisione.

Aggiunge il presidente: “Ho chiesto ieri in Consiglio un esame della specifica commissione entro agosto, così da poter portare ai primi di settembre il documento finanziario-contabile all’esame del Consiglio. Molte altre sono le tematiche che dovranno affrontare le commissioni – prosegue Lattanzi – soprattutto alla luce del percorso che l’Upi nazionale e le Province italiane avevano avviato recentemente per ridare agibilità finanziaria agli enti e restituire loro operatività effettiva per la gestione di servizi essenziali al cittadino. Un iter – conclude – che speriamo possa proseguire anche con il futuro governo, dal quale ci si aspetta continuità e coerenza con il recente passato, per ridare slancio ad un organismo previsto in Costituzione e molto importante per le nostre comunità”.    

Precedente Il "Mappamondo di Leonardo" porta a Civitella duecento persone Successivo Terni? Una città di "vecchietti" e di stranieri