Mercatino in centro, l’opposizione: “Non si fa solo per colpa della pigrizia della Giunta”

Mercato Staino
Vocabolo Staino, sede del Mercatino

Via le bancarelle dallo spiazzo imbrecciato di vocabolo Staino e loro trasferimento nel centro cittadino. Le richieste in tal senso diventano sempre più pressanti: per esempio da parte di Confcommercio, ma anche da parte dei commercianti che avrebbero avviato una raccolta di firme.

Ed ovviamente da parte dei gruppi consiliari di minoarabza a Palazzo Spada che tornno a sostenere “Una causa che come minoranze unitamente abbiamo perorato sin dall’inizio”, affermano i gruppi consiliari M5S, Pd e Senso Civico. “Un’azione significativa – commentano – che non viene percorsa solo per pigrizia amministrativa di chi il suo stipendio lo porta a casa anche se non produce risultati mentre la città affonda”.

“Spostare il mercatino del mercoledì in centro è una grande opportunità per tutta la città – dicono le opposizioni del Comune di Terni – Il mercatino in centro è una soluzione che rappresenterebbe una risposta concreta a due problemi: da una parte quello dei commercianti, che beneficerebbero del transito e delle potenziali soste di migliaia di persone, dall’altra quello degli ambulanti che cercano una casa che non li penalizzi. Se vogliamo salvare Terni tutti dobbiamo fare la nostra parte, soprattutto se si tratta di restituire qualcosa a chi paga tasse e tributi altissimi a fronte di servizi scadenti”, concludono M5S, Pd, Senso Civico.

Precedente Covid in Umbria, 22 contagi in un giorno, i positivi sono 464: 91 a Perugia, 85 a Terni, 20 a Foligno Successivo Carcere di Terni, ancora un'aggressione ad un agente di custodia. La Fp Cgil chiede provvedimenti

Lascia un commento