Lingotto record della “Terni” per la centrale di Trino

Un lingotto da 280 tonnellate colato alle acciaierie di Terni nel maggio del 1986 e destinato al reattore nucleare della centrale di Trino Vercellese. Dal punto di vista tecnologico si trattava di un vero e proprio record mondiale: “Dal manufatto fucinato – spiegava  una nota della “Terni” – verrà ricavata la parte principale del nocciolo del reattore nucleare di prossima installazione a Trino Vercellese”

“La realizzazione della società Terni – aggiungeva l’azienda – è conseguente ad una serie di studi e ricerche finanziati  dall’Enea e aventi come obiettivo di ottimizzare le caratteristiche del progetti destinati alle centrali nucleari italiane”.Lingotto

“I risultati raggiunti – concludeva la comunicazione delle acciaierie ternane – contribuiscono a rendere la centrale di Trino più sicura ed affidabile della media mondiale”.

Proprio in quei giorni, comunque, c’era stata una marcia di protesta “imponente” di 15 chilometri da Casale a Trino contro la nuova centrale Enel da duemila megawatt. Poi venne il referendum e l’impegno dell’Italia per la produzione di energia nucleare si chiuse lì. Il lingotto record divenne un rottame.

Lingotto

 

Precedente Terni 1889, scontri per il centenario della rivoluzione francese Successivo Terni 1970, s'inaugura il "quartiere industriale" di Sabbione

Lascia un commento

*