1925: fascisti malmenano Angelucci, segretario di Nobili

Aggredito e malmenato mentre a piedi, il 30 marzo 1925, percorreva una strada del centro di Terni. Per strappare Ruggero Angelucci dalle mani di un manipolo di fascisti,  dovettero intervenire i carabinieri. Angelucci, socialista, era l’uomo di fiducia del segretario nazionale del Psi, Tito Oro Nobili già sindaco di Terni prima dell’avvento del fascismo.

Trattenuto a Roma per motivi di lavoro per la gran parte della settimana, Angelucci era arrivato a Terni quella mattina e prima di tutto s’era recato a Papigno a far visita alla famiglia. Furono i fascisti di Papigno ad avvertire della sua presenza quelli di Terni, tanti più che sapevano che dopo la visita ai familiari Angelucci si stava recava in città.angelucci

Lo aspettavano quindi. Erano una quindicina che gli andarono incontro e lo fermarono intimandogli di seguirli. Al rifiuto di Angelucci tentarono di trascinarlo a forza e nacque il parapiglia: pugni e bastonate a lui e a coloro che erano con lui. Qualcuno avvertì i carabinieri i quali riuscirono a strapparlo dalle mani dei fascisti e lo accompagnarono al commissariato. Ecchimosi e contusioni in testa, sulla braccia e sulle spalle, conseguenza della gragnuola di bastonate; i vestiti lacerati. Ferito anche uno di coloro che l’accompagnavano. Angelucci fu poi trasferito sotto scorta alla stazione ferroviaria di Terni. Tornò a Roma.

Precedente Morgnano, il grisou divampa e uccide 24 minatori Successivo Sciopero alla fabbrica d'armi per il salario e la pace

Lascia un commento

*