Lettere di minacce a due insegnanti del Liceo “Tacito”

12 giugno 1964
Lettere anonime, contenenti minacce a due insegnati del liceo classico Tacito a Terni: “Se non promuoverai tutte, indistintamente tutte le alunne ti uccideremo e perseguiteremo i tuoi familiari”. Questo il contenuto della lettera che l’insegnante di italiano e Latino, 

Erina Finali Pecorelli, trovò in mezzo alla posta. Da principio non dette peso alla faccenda, ma poi seppe che lettere dello steso tipo erano state inviate alla sua collega Maria D’Elia. Allora cominciò a preoccuparsi e sporse denuncia in questura. “Tranquilla – le dissero alla squadra Mobile – sarà qualche sconsiderato che intende divertirsi così”. L’insegnante, comunque sporse denuncia contro ignoti. E la Mobile avviò l’indagini che consentì in un paio di giorni di risolvere il “caso”. Le lettere erano state spedite da due allieve delle insegnanti, due ragazze di 16 anni le quali, evidentemente, temevano di non essere promosse. Comunque una certezza per loro ci fu e immediata: una denuncia al tribunale dei minorenni.

Leggi anche:

Liceo Tacito, tiro a segno contro il Crocifisso

Precedente Somma, bus con le orfanelle finisce fuori strada Successivo 1975, alle amministrative il Pci "straripa"